Che cos’è la scoliosi:

Colonna vertebrale Scoliosi RX

Fig. 1

Scoliosi Gibbo

Fig. 2

La scoliosi è una deformità tridimensionale della colonna. Quando, vista frontalmente, la colonna vertebrale presenta una o più curve (Fig. 1) che persistono in flessione avanti e soprattutto è presente una rotazione e deformazione delle vertebre interessate dalla curva scoliotica, con conseguente gibbo (Fig. 2), parliamo di scoliosi.

Nell’80-85% dei casi è idiopatica, parola che indica che per ora non se ne conoscono le cause. Riguarda in 7 casi su 10 il sesso femminile e colpisce circa il 3%-4% della popolazione, anche se è grave in meno dello 0,5 -1 per mille. Può avere insorgenza  a diverse età ma solitamente si presenta durante il periodo dello sviluppo puberale e peggiora sino alla maturazione ossea.
Purtroppo, se supera certi livelli (spesso oltre i 30°, quasi sempre oltre i 50°), l’evolutività non finisce con la crescita, e spesso ne consegue un incurvamento di lato e in avanti della colonna vertebrale in età anziana.

La scoliosi è una malattia subdola, non ha sintomi dolorosi, tanto che spesso è individuata casualmente da un osservatore (dal medico o da un familiare). In età adulta, invece, le scoliosi non curate, possono portare a dolore e a deformità progressiva anche gravi.

Il trattamento della scoliosi:

Scoliosi Corsetto Chenau

Corsetto Chenau per il trattamento della scoliosi

Il trattamento deve essere precoce ed adeguato ai segni di potenziale evolutività, gestito e condotto da un Medico esperto in patologia vertebrale.

Le Scoliosi lievi: di 10°-15° con rotazione vertebrale modesta sono trattate generalmente con attenta sorveglianza Medica e Ginnastica Medica Correttiva.

Le scoliosi tra i 15-25°, con evidente rotazione, sono scoliosi a rischio che devono essere seguite con particolare attenzione. Per queste scoliosi l’Ortopedico potrà decidere per il trattamento con sola Ginnastica Medica o con Corsetti Ortopedici più Ginnastica Medica.

Per le Scoliosi di 25°- 40° con forte rotazione vertebrale, la sola ginnastica medica non è sufficiente e sono quindi utilizzati i Corsetti Ortopedici. È comunque necessario che il trattamento con corsetto sia supportato da un adeguato programma di Ginnastica Medica Correttiva.

Le Scoliosi gravi e quelle che mostrano di aggravarsi nonostante i Corsetti e la Ginnastica Medica Correttiva sono trattate chirurgicamente.

La ginnastica medica correttiva:

Ginnastica Medica Correttiva

Ginnastica medica: Esercizi propriocettivi

Nelle scoliosi minori la ginnastica medica correttiva ha un ruolo molto importante. Attraverso piani di lavoro individualizzati si interviene sul controllo posturale, sull’irrobustimento di specifici gruppi muscolari, sulla stimolazione dell’equilibrio e sull’autocorrezione in tutti e tre i piani di deformità delle curve.

È importante che la ginnastica sia fatta su prescrizione del Medico Specialista e sotto la guida di un capace Fisioterapista per 2-3 volte la settimana. È altresì importante che un programma di esercizi sia fatto svolgere quotidianamente anche a domicilio.

Nel trattamento con Corsetto Ortopedico la Ginnastica Medica dovrà essere eseguita con e senza corsetto indossato e sotto la guida di un Terapista esperto in tale trattamento. Attraverso appropriati esercizi, essa ha lo scopo di favorire e incrementare l’azione correttiva del corsetto, mantenere tonica la muscolatura e stabilizzare i miglioramenti ottenuti.

Nel trattamento chirurgico la Ginnastica Medica ha un ruolo nella preparazione all’intervento e nel recupero post-intervento.

Il ruolo del terapista:

È dunque importante affidarsi a un Centro Medico di Fisioterapia qualificato. Il trattamento di una scoliosi, infatti, è piuttosto lungo e richiede la collaborazione attiva del ragazzo, che dovrà impegnarsi costantemente con la ginnastica medica e portare correttamente gli eventuali corsetti. Il terapista dovrà quindi adottare, non soltanto adeguate tecniche di lavoro, ma anche dare un’informazione chiara e rassicurante sul problema “scoliosi” e motivare il lavoro con Ginnastica Medica Correttiva.